Associazione Italiana Supporto e Traduzione Mozilla

Siamo un'associazione senza fini di lucro che si dedica alla traduzione italiana, al supporto e alla promozione dei prodotti della Mozilla Foundation e derivati.

In questo sito è raccolto il nostro lavoro: software, traduzioni, articoli e guide.

Vi raccomandiamo di consultare i nostri forum, per chiedere informazioni o segnalare problemi su tutto ciò che pubblichiamo e, ovviamente, anche per offrire aiuto.

Firefox è lento dopo l’aggiornamento alla versione 38

Dopo il recente aggiornamento a Firefox 38, alcuni utenti Windows possono aver riscontrato un rallentamento di Firefox quando si digita nella Barra di ricerca o nella Barra degli indirizzi oppure nel normale scorrimento dei menu e dei controlli, rispetto alle versioni precedenti.

Gli sviluppatori di Mozilla sono al lavoro per risolvere il problema in modo definitivo, ma è possibile aggirarlo disattivando l’accelerazione hardware mediante la scheda Generale del pannello Avanzate, oppure aggiornando i driver della scheda grafica.

La procedura dettagliata è descritta in questo articolo.


Imparare a sviluppare per Firefox OS: la guida veloce

Firefox OS è il progetto Mozilla nato per portare il Web in tutte le tasche grazie al suo essere veloce, semplice e intuitivo. Durante lo scorso anno sono stati organizzati diversi eventi in Italia dedicati al nuovo sistema operativo, anche senza la nostra partecipazione diretta, dimostrandoci che c’è un reale interesse per un qualcosa che non sia il solito iOS o Android. Si tratta di una reale alternativa open source a questi sistemi basata su nuove tecnologie sempre fruibili come HTML5.

Uno dei progetti della nostra community dedicato a Firefox OS è finalmente a disposizione del grande pubblico: la traduzione della Guida veloce allo sviluppo per Firefox OS.

firefoxos-dev-quickguide

Scritto originariamente da Andre Alves Garzia in portoghese e inglese, è stato completamente tradotto da alcuni membri della nostra comunità. Alla localizzazione sono stati aggiunti nuovi materiali e le ultime novità che la guida originale -per ovvi motivi- non contiene. Il lavoro ha richiesto un anno di revisioni e di valutazioni ma ha portato a un risultato indubbiamente valido per qualsiasi sviluppatore HTML, CSS e JavaScript che voglia sperimentare Firefox OS. Durante questo processo abbiamo cercato di rendere il documento semplice e intuitivo come il sistema che intende descrivere e rendere accessibile a tutti.

Questo un estratto completo del nuovo materiale incluso:

  • Linee guida per il Marketplace dove è possibile pubblicare la propria app.
  • Informazioni sul manifest, vera e propria carta d’identità di ogni app.
  • Capitolo sul Boilerplate e su l10n.js per lavorare al meglio.
  • Elenco delle webActivity per capire immediatamente le potenzialità del sistema.
  • Web Component, Moz Polyfill, Firefox Developer Edition sono solo alcune delle tecnologie spiegate.
  • Come sfruttare al meglio le pagine su Github.
  • I nuovi strumenti per gli sviluppatori come il WebIDE.
  • Come usare un telefono Firefox OS per il debug con Firefox.

Tutto il materiale è revisionato e aggiornato all’anno corrente.

Per maggiori informazioni potrete fare riferimento alla pagina su Leanpub in cui scaricare gratuitamente questo ebook nei diversi formati disponibili.

Per lasciare commenti e opinioni potete trovarci e contattarci su GitHub, dove potrete inoltre contribuire attivamente al progetto. È anche possibile partecipare alla discussione nel nostro forum all’interno della discussione dedicata al progetto.

Vorrei personalmente ringraziare tutti i volontari che mi hanno permesso, dopo oltre un anno di lavoro, di arrivare alla pubblicazione di questa versione beta: GiammyJet, Michro, Sara_t, Miki64, Gialloporpora, Edoput e Nicokant. Senza di loro non sarei mai riuscito a portare avanti questo lavoro che spero permetterà di promuovere sempre più questo sistema.

Non dimenticate però che il Mozilla Developer Network è e rimane il riferimento per lo sviluppo di Firefox OS e che questa guida è pensata per coloro che decideranno di provare a sviluppare la propria idea senza perdersi nella moltitudine di pagine pubblicate, una sorta di primi passi verso una più ampia conoscenza del prodotto.

Prima di concludere vorrei invitare tutti a incontrare alcuni dei volontari durante il meetup al CodeMotion del prossimo 27 Marzo dove potrete porre le vostre domande e scoprire i nostri progetti come community, oltre ad accaparrarvi qualche gadget che cerchiamo di non far mancare mai! :-)

Testo di Daniele Scasciafratte, revisione di Giovanni Francesco Solone


Nuova gestione delle quote associative

foxkeh_200704Sembra quasi una banalità ma da quando la nostra avventura è cominciata di acqua sotto ai ponti ne è passata molta, abbiamo “visto cose, conosciuto gente” e maturato esperienza, tutto ciò che fino ad oggi ha reso Mozilla Italia una delle comunità di riferimento per ciò che riguarda Firefox, ma anche tutto il resto del parco software Mozilla. Il merito però non è solo nostro, ci limitiamo a mantenere un impegno preso con voi tutti, utilizzatori di ieri e di oggi, cercando di offrire la migliore localizzazione possibile, il supporto e la documentazione che quotidianamente vi servono per affrontare ogni problema cercando di uscirne vincitori.

Grazie a tutti, e grazie anche a coloro che hanno scelto di aiutarci economicamente per sostenere in questi anni le spese per tenere in piedi il server che permette a Mozilla Italia di esistere e fornire a voi tutti il sito web e il forum di supporto. Mozilla ha scelto ormai da qualche tempo di riconoscerci e supportarci ufficialmente pagando ogni spesa ed è per questo motivo che viene meno la necessità di quote associative che sostengano quelle stesse spese. Abbiamo per questo motivo scelto di cambiare rotta e interrompere a partire da oggi l’accettazione di ogni nuova richiesta di associazione (soci sostenitori) mantenendo la sola struttura del consiglio direttivo e dei soci effettivi che collaborano attivamente alla (buona, ci auguriamo sempre) riuscita del progetto italiano.

E ora avanti tutta, il nostro impegno continua, anche se non accettiamo più donazioni e soci sostenitori cerchiamo continuamente persone volenterose che vogliano collaborare con noi, se pensate di essere le persone giuste fatevi avanti!


Firefox OS workshop a Bologna (17 settembre 2014)

T3LAB organizza, in collaborazione con l’Associazione Mozilla Italia, il primo evento emiliano interamente dedicato a Firefox OS, il nuovo sistema operativo mobile per smartphone, completamente open source e sviluppato con standard web (HTML, CSS, JavaScript). L’evento sarà diviso in due sessioni: durante la mattinata ci saranno talk tecnici da parte di esponenti di Mozilla, mentre nel pomeriggio lo staff di Mozilla affiancherà i partecipanti nello sviluppare la propria applicazione per Firefox OS.

FxOS-Bologna17092014

IMPORTANTE: per poter partecipare alla sessione pomeridiana i partecipanti dovranno portare con sé il proprio PC portatile. L’evento è gratuito, previa registrazione.

Orari, modulo di registrazione e altro ancora sono disponibili sulla pagina ufficiale dell’evento all’indirizzo t3lab.it/en/eventi/firefox-os-workshop.

Vi invitiamo inoltre a seguire gli account ufficiali di Firefox OS su Twitter (twitter.com/firefoxosit) e Facebook (facebook.com/firefoxosit) per tutte le novità sul mondo Firefox OS 😉


Chris Beard nominato CEO di Mozilla

Riportiamo la notizia pubblicata ieri sul blog italiano di Mozilla, disponibile per tutti all’indirizzo blog.mozilla.org/press-it/2014/07/28/chris-beard-nominato-ceo-di-mozilla

Chris_Beard,_CEO_of_Mozilla

Mozilla è lieta di annunciare che Chris Beard è stato nominato CEO, dopo aver ricoperto il ruolo di amministratore delegato ad interim a partire dal mese di aprile 2014. Chris Beard era entrato a far parte di Mozilla già nel 2004, poco prima della release di Firefox 1.0: durante gli anni trascorsi in Mozilla Chris è stato responsabile di larga parte delle attività, tra cui prodotto, marketing, innovazione, comunicazione, comunità e coinvolgimento degli utenti.

Prima di ricoprire il ruolo di CEO ad interim, Chris ha trascorso quasi un anno come Executive-in-Residence presso Greylock Partners, sviluppando una prospettiva più profonda in materia di innovazione ed imprenditorialità e rimanendo sempre consulente esterno di Mitchell Baker.

Il blogpost firmato da Mitchell Baker, Chair of the Mozilla Foundation, è disponibile a questo indirizzo.

Mozilla Italia si associa al grande in bocca al lupo a Chris Beard per l’importante ruolo che saprà certamente ricoprire, con la speranza che questa possa essere una “nuova” duratura collaborazione con Mozilla.


FAQ sulle dimissioni di Brendan Eich da CEO di Mozilla Corporation

Questo post è una traduzione dell’articolo originale apparso sul blog di Mozilla. Ultimo aggiornamento: 11 aprile 2014.

Il 3 aprile 2014 Brendan Eich ha deciso di propria iniziativa di dimettersi da CEO di Mozilla. Le donazioni politiche effettuate da Brendan in passato hanno generato azioni di boicottaggio, proteste e posto Mozilla al centro dell’attenzione mediatica. Dopo le sue dimissioni, Brendan ha dichiarato:

Our mission is bigger than any one of us, and under the present circumstances, I cannot be an effective leader.

La nostra missione è più importante di ciascuno di noi individualmente, e nelle attuali circostanze non posso essere un leader efficace.

La pressione da parte della stampa e dei social media non ha permesso a Brendan di svolgere il proprio lavoro come CEO e guidare Mozilla in modo soddisfacente.

Da quel momento abbiamo assistito al diffondersi di molta disinformazione. In particolare due fatti sono stati riportati in modo scorretto:

  1. Brendan non è stato licenziato e il Consiglio non ha chiesto a Brendan di dimettersi. Brendan ha rassegnato le proprie dimissioni volontariamente. Il Consiglio ha reagito invitandolo a rimanere in Mozilla con una posizione dirigenziale [NdT: C-level, per cui CTO, COO, ecc.]. Brendan ha rifiutato questa proposta e il Consiglio ha rispettato la sua decisione.
  2. Negli stessi giorni in cui Brendan è stato scelto come CEO, 3 membri del Consiglio hanno rassegnato le proprie dimissioni dal consiglio di Mozilla Corporation. Nessuno di questi membri del consiglio si è dimesso perché in contrasto con le opinioni personali di Brendan. Gary Kovacs e Ellen Siminoff avevano già espresso la propria volontà di lasciare, John Lily non si è dimesso perché in contrasto con le opinioni personali di Brendan. Katharina Borchert è stata scelta per sostituire una delle posizioni vacanti dopo la scelta di Brendan come CEO.

Attualmente Mitchell Baker continua a guidare Mozilla nel ruolo di Executive Chairwoman e cofondatrice. Il gruppo dirigente risponde direttamente a Mitchell, incaricata anche di guidare la ricerca di un nuovo CEO con il supporto del Consiglio. Il gruppo dirigente è costantemente impegnato nel perseguire gli obiettivi di Mozilla per il 2014 sotto la guida di Mitchell e del Consiglio.

Mozilla è nata con la missione di promuovere apertura, innovazione e opportunità sul Web. Ogni giorno uniamo mezzo miliardo di utenti e migliaia di collaboratori distribuiti in oltre 80 Paesi per mettere in pratica i principi descritti nel Manifesto Mozilla. Il Web è una risorsa pubblica fondamentale e Mozilla esiste con lo scopo di proteggerla. Questo è quello che facciamo in Mozilla, il nostro solo obiettivo.

Ulteriori dettagli sono illustrati nelle FAQ seguenti.

D: Qual è la sequenza di eventi che ha portato alla nomina di Brendan come CEO e alle sue dimissioni?

R: Questa è la ricostruzione degli eventi

  • 1998: Brendan Eich e Mitchell Baker fondano insieme il Progetto Mozilla.
  • 2003: Brendan e Mitchell fondano insieme la Fondazione Mozilla.
  • 1998-2014: Brendan ricopre diversi ruoli di guida tecnica in Mozilla, inclusi CTO (Chief of Technical Operations) e SVP (Senior Vice President) del settore Engineering in Mozilla Corporation.
  • 2012: Il Los Angeles Times diffonde la notizia che Brendan ha fatto una donazione politica nel 2008 a favore della cosiddetta California Proposition 8.
  • 24 marzo 2014: Sulla base delle uniche e indiscusse capacità dimostrate sia nel costruire Mozilla sia nel diffondere l’Open Web, Brendan viene nominato CEO di Mozilla Corporation.
  • 25 marzo: Cominciano a comparire alcuni post su blog, social media e media tradizionali in cui si discute della donazione di Brendan e si esprimono dubbi sulla sua scelta come CEO.
  • 25 marzo: CREDO, un’organizzazione per il cambiamento sociale e compagnia telefonica che supporta l’attivismo sociale e finanzia organizzazioni non-profit progressiste, contatta Mozilla per informarla che verrà lanciata una petizione contro la nomina di Brendan.
  • 26 marzo: Mitchell pubblica un post sul proprio blog in supporto dell’impegno di Mozilla in favore di uguaglianza e inclusione.
  • 26 marzo: Brendan pubblica un post sul proprio blog riaffermando il proprio impegno per garantire la massima uguaglianza e inclusione in Mozilla.
  • 27 marzo: l’attenzione dei media si concentra su alcuni dipendenti Mozilla (meno di 10) che utilizzano Twitter per chiedere a Brendan di dimettersi dal ruolo di CEO.
  • 29 marzo: Mitchell Baker pubblica un post sul proprio blog sul supporto di Mozilla all’uguaglianza nei matrimoni.
  • 30 marzo: CREDO lancia la propria petizione per chiedere le dimissioni di Brendan.
  • 31 marzo: OkCupid chiede ai propri utenti di boicottare Mozilla, impedendo l’accesso al proprio sito con i prodotti Mozilla.
  • 1 aprile: Brendan parla con i media nazionali per indirizzare i dubbi del pubblico.
  • 3 aprile: Nel mezzo di boicottaggi, proteste e al centro dell’attenzione di tutti i media, Brendan si dimette e rassegna le proprie dimissioni da CEO.

D: È vero che Brendan Eich è stato licenziato da Mozilla?

R: No. Brendan ha deciso di dimettersi. Queste sono le sue parole:

I have decided to resign as CEO effective April 3rd, and leave Mozilla. Our mission is bigger than any one of us, and under the present circumstances, I cannot be an effective leader. I will be taking time before I decide what to do next.

Ho deciso di rassegnare le dimissioni da CEO a partire dal 3 aprile e lasciare Mozilla. La nostra missione è più importante di ciascuno di noi individualmente, e nelle attuali circostanze non posso essere un leader efficace. Mi prenderò del tempo per decidere cosa fare in futuro.

Brendan ha scritto anche un post sul suo blog su questo argomento.

D: Sono stati i membri del consiglio a chiedere le dimissioni di Brendan?

R: No. Dimettersi è stata una scelta di Brendan. Infatti, dopo aver ricevuto le sue dimissioni, i membri del Consiglio gli hanno proposto di rimanere in una posizione dirigenziale.

D: Brendan è stato costretto alle dimissioni a causa delle pressioni esercitate dai dipendenti Mozilla?

R: No. I dipendenti Mozilla hanno reagito in diversi Mozilla alla scelta di Brendan come CEO: la maggioranza in modo positivo, supportando pienamente la sua guida, o esprimendo disappunto per il supporto di Brendan alla Proposition 8 ma allo stesso tempo giudicandolo un buon leader per Mozilla. Un ristretto numero (meno di 10) ha chiesto le sue dimissioni, nessuna di queste persone dipendeva direttamente da Brendan nella catena di comando. Ciononostante i media si sono concentrati in modo sproporzionato su un numero esiguo di commenti negativi, ignorando la vasta gamma di reazioni della comunità Mozilla.

L’apertura è un aspetto fondamentale della cultura Mozilla, lo dimostra anche l’incoraggiamento ai dipendenti e ai membri della comunità a essere onesti e aperti, esprimendo le proprie opinioni sulla direzione di Mozilla, durante e dopo la nomina di Brendan come CEO. Siamo orgogliosi di questa apertura e di come questo distingua Mozilla da molte altre organizzazioni.

D: I membri del consiglio si sono dimessi a causa del sostegno di Brendan Eich alla Proposition 8?

R: No. Gary Kovacs e Ellen Siminoff avevano già espresso la propria volontà di lasciare, John Lily non si è dimesso perché in contrasto con le opinioni personali di Brendan. Katharina Borchert è stata scelta per sostituire una delle posizioni vacanti dopo la scelta di Brendan come CEO.

D: Devo essere d’accordo con la dichiarazione di Mozilla sull’uguaglianza nei matrimoni per essere un Mozilliano?

R: No. Il progetto Mozilla è la casa comune che ospita tutta la comunità globale di Mozilla, e in quanto organizzazione comunitaria non prendiamo alcuna posizione al di là di quanto espresso nel Manifesto Mozilla. Ogni Mozilliano è libero di avere le proprie opinioni, e accogliamo tutti nella nostra comunità. Mozilla Corporation e Mozilla Foundation: a) hanno fornito benefit e sostenuto le coppie omosessuali per diversi anni e b) di recente abbiamo pubblicato la seguente dichiarazione sul diritto di matrimonio. Non è necessario essere d’accordo con queste azioni o dichiarazioni per essere un Mozilliano.

D: Mozilla sta diventando un’associazione di attivismo sociale?

R: No. Mozilla è impegnata su una sola causa: mantenere il Web libero e aperto. Tutti i nostri obiettivi sono espressi nel Manifesto Mozilla. Noi siamo attivisti dell’open Web. Mozilla fin dall’inizio riunisce persone con diverse opinioni politiche e religiose per lavorare assieme a questo obiettivo condiviso.

D: Devo supportare l’uguaglianza nei matrimoni per contribuire a Mozilla come dipendente, volontario o in un ruolo di leadership?

D: No. Non esiste nessun test di ingresso per lavorare in Mozilla.

Tutti gli elementi a partire dalle linee guida per la partecipazione alla comunità, alle leggi sul lavoro, alla missione di Mozilla indicano che ogni dipendente o membro della comunità può e deve credere in ciò che desidera. Siamo un’organizzazione costituita da una comunità globale di persone con visioni completamente diverse, ma uniti in un unico obiettivo: proteggere e dare vita a un Web aperto.